Le inaspettate parentele della Casa Reale Inglese

Scavando negli alberi genealogici di molte star di Hollywood si trovano parentele inaspettate. Come quelle che coinvolgono la famiglia reale inglese. Cosa hanno in comune la regina Elisabetta II, Kate Middleton e Johnny Depp? Adesso ve lo spego.

La passione del mondo anglosassone per la genealogia è arcinota. Scavare nel passato degli antenati per scoprire da dove si proviene è spesso però solo un esercizio divertente. A meno che non ci si imbatta in legami a dir poco incredibili. È il caso della famiglia reale inglese che, udite udite, vanta parentele famose. Quali? Per esempio, la regina Elisabetta II ha per cugino Johnny Depp. Mentre la duchessa di Cambridge, Kate Middleton, vanta una linea diretta con la comica americana Ellen DeGeneres. E che dire dell’ex presidente degli Stati Uniti, George W. Bush? Lui vanta una parentela con Lady Diana.

Qualcuno ha scoperto la famosa parentela attraverso i giornali. Ma c’è chi, come la conduttrice televisiva e comica americana Ellen DeGeneres che si è vista recapitare una lettera dalla New England Genealogical Society. Che le diceva di essere cugina di 15esimo grado con la futura regina d’Inghilterra,  Kate Middleton. A raccontare la vicenda è stata la stessa Ellen. «Credevo fosse una comunicazione della mia ginecologa», ha scherzato. Invece, era un documento ufficiale dove si faceva risalire la parentela reale attraverso Sir Thomas Fairfax e sua moglie Agnes Gascoigne. La coppia ha vissuto in Gran Bretagna nel XV secolo. «Alla lontana, ma sempre cugine siete» concludeva la missiva.

Kate Middleton ha però anche un altro cugino famoso. Questa volta più vicino e decisamente più probabile. Si tratta del regista scozzese Guy Ritchie. L’ex marito di Madonna (che, per inciso, è cugina di Camilla, duchessa di Cornovaglia. Ah, che bella la Storia!) è cugino di sesto grado della duchessa di Cambridge. I due si conoscono abbastanza bene. Tanto che il regista è stato tra gli invitati alle sue nozze del 2011.

Se volete saperne di più l’articolo completo lo trovate QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.