Antenati: come partecipare al progetto del portale italiano per la ricerca genealogica

Gli Archivi di Stato conservano molti fondi e serie utili per la ricerca genealogica e la storia delle persone e delle famiglie. Per chiunque intenda svolgere una ricerca genealogica in maniera rigorosa o comunque ottenere solide basi documentali sulle quali ricostruire la storia della propria famiglia, i “Grandi Archivi”, com’erano chiamati un tempo, rappresentano un passaggio obbligato.

Per molti genealogisti comunque, dover svolgere una ricerca fisicamente in archivio -spesso in una città diversa dalla propria – era spesso limitante per le proprie ricerche

Fortunatamente le moderne tecnologie ed internet stanno sempre più rendendo facile la vita dei ricercatori e dei genealogisti grazie ad una crescente mole di dati – fotografie e database – presente in rete anche in libera consultazione.

Logo del portale Antenati

Il Portale Antenati si propone di pubblicare, accanto a milioni di immagini di registri di stato civile, anche milioni di nomi estratti che compaiono nei registri.
Per partecipare è sufficiente avere un computer collegato a Internet, oltre a un minimo di tempo disponibile, senza vincoli di orario, e naturalmente al desiderio di misurarsi con la lettura di documenti del passato, con cui è possibile familiarizzare nella pagina “Sfoglia i registri”.

Sarà dunque possibile scegliere uno qualsiasi dei progetti attivi presenti all’indirizzo Family Search Progetti italiani, alcuni dei quali promossi direttamente dai rispettivi Archivi di Stato.

La Redazione è a disposizione per fornire tutta l’assistenza necessaria per registrarsi gratuitamente come indicizzatore volontario e per quanto riguarda la fase successiva di schedatura.

Le più importanti regole sono state raccolte nelle Linee guida per l’indicizzazione diffuse anche negli aiuti di campo dei singoli progetti di indicizzazione.

Quindi, se avete un po’ di tempo libero e voglia di collaborare al più grande database genealogico d’Italia, fatevi avanti e partecipate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.